Biennale College – Cinema Virtual Reality (2020-2021) is open

È stato lanciato il bando per i 10 progetti internazionali per la quinta edizione di Biennale College – Cinema Virtual Reality per l’anno 2020-2021, per i quali le candidature potranno essere inviate a partire da lunedì 6 settembre e fino al 26 ottobre 2020 accedendo al sito http://collegecinema.labiennale.org/it/ dove è presente un formulario dedicato.

 

Sono stati invece già annunciati i 6 progetti selezionati per la sezione italiana del programma che parteciperanno al workshop che si terrà a Venezia dal 9 al 14 ottobre 2020:

A JOURNEY INTO INFINITE –  registi: Valeria Mazzucchi, Andrea di Gangi; produttore: Andrea Zulini

INSPIRED –  regista: Sara Tirelli; produttrice: Valeria Correale

SENZA FRENI –  regista: Matteo Nicoletta; produttrice: Sara Barbara

SPELL DANCE VR –  regista: Andrea Arena; produttore: Martino Chiti

THE LAST PARTY –  registi: collettivo Alterazioni Video; produttrice: Elisa Del Prete

X – DEALING WITH ABSENCE –  regista: Margherita Landi; produttore: Alessandro Mancini

 

Biennale College – Cinema Virtual Reality è un programma realizzato dalla Biennale di Venezia con lo scopo di esplorare la più innovativa e coinvolgente tecnologia del momento:  la Realtà Virtuale. Muovendosi tra le opportunità estetiche e narrative offerte da questa forma audio-visiva, Biennale College Cinema – Virtual Reality fornisce a professionisti provenienti dal mondo delle arti e del cinema, che abbiamo un background ricco di esperienze in diversi campi, le competenze necessarie per affrontare il formato a 360°, coinvolgente e interattivo. Grazie al supporto di esperti internazionali che operano nel settore, Biennale College Cinema – Virtual Reality aiuterà filmmakers indipendenti e creativi da tutto il mondo a cimentarsi con la realtà virtuale e insegnerà come adeguare, in maniera fluida, le proprie conoscenze a questo campo. Nel corso del programma i partecipanti acquisiranno un know-how specifico riguardante il 360° immersive storytelling, ridefinendo la relazione che intercorre tra la storia e il pubblico.

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on email
Share on telegram