La Veneto Film Commission sarà presente alla 77. edizione della Mostra del Cinema di Venezia con incontri dedicati al settore e al territorio

Per la prima volta dalla sua recente fondazione, la Veneto Film Commission sarà presente alla 77. Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia (02 - 12 settembre) con una serie di appuntamenti dedicati al settore e al territorio che si svolgeranno presso lo Spazio Regione Veneto - Fondazione Veneto Film Commission all’hotel Excelsior.

Un momento di incontro con i professionisti per discutere e confrontarsi sulle nuove opportunità che si aprono al mondo del cinema e dell’audiovisivo, dell’offerta del territorio, nel quale da sempre il Festival trova la sua collocazione unica al mondo, e per presentare le attività, lo staff e gli obiettivi a sostegno delle produzioni della Veneto Film Commission.

“L'importante presenza della Veneto Film Commission allo Spazio Regione del Veneto conferma l'attenzione che l'Amministrazione regionale ha avuto in questi anni nei confronti del settore che da tempo sollecitava la creazione di una Film Commission regionale che rappresentasse un punto di riferimento sia per le case di produzione cinematografica che per i professionisti e le imprese venete del settore e finalmente nel 2019 abbiamo raggiunto il nostro obiettivo.” ha dichiarato l’Assessore alla Cultura della Regione del Veneto.

"Sara' l'occasione ideale per presentare la squadra di altissimo livello formata dal direttore Jacopo Chessa e per dar conto degli obiettivi e delle prospettive in una fase particolarmente difficile anche per il cinema a causa del Covid" sottolinea il Presidente della Fondazione Veneto Film Commission Luigi Bacialli.

“La Veneto Film Commission sta già attivamente lavorando per l’accoglienza delle produzioni sul territorio regionale e lavora per la valorizzazione delle location e dei professionisti veneti, è lieta di essere presente qui in Mostra contribuendo al dialogo tra professionisti grazie all’organizzazione di incontri e panel” dalle parole di Jacopo Chessa direttore VFC.

Un percorso che affronterà diverse tematiche, tra queste quella dei finanziamenti, l'Assessore regionale al Territorio - Cultura - Sicurezza - Sport – Parchi, interverrà per esporre la strategia regionale in materia di audiovisivo, in particolare sul fondo di produzione che la Regione gestisce. Il tax credit raccontato dall'imprenditore Pino Perri quale occasione di investimento nell'audiovisivo in Veneto; il cineturismo come opportunità che lega tre elementi cardine: territorio, turismo e audiovisivo, illustrato da Giulia Lavarone (Università di Padova e membro cda VFC); le nuove tecnologie, con l'intervento di Riccardo Donadon (H-Farm) e Marco Savini (Big Rock); la letteratura come inesauribile risorsa di storie per il cinema, come ci raccontano gli scrittori veneti Fulvio Ervas e Sergio Frigo; le nuove frontiere della narrazione attraverso la realtà virtuale e i videogiochi, grazie agli interventi di Michel Reilhac (Biennale di Venezia) e Roberto Semprebene (Storm In a Tea Cup) in collaborazione con IIDEA (l'Associazione di categoria dell'industria dei videogiochi in Italia).

Il programma della Veneto Film Commission a Venezia sarà anche la vetrina di alcune importanti iniziative che hanno luogo sul territorio regionale. Verrà infatti presentata la Scuola di cinema “Carlo Mazzacurati” di Padova, all'interno di un dialogo tra la sua direttrice Marina Zangirolami-Mazzacurati, Savina Neirotti (Scuola Holden e Biennale College) e Cecilia Valmarana (Rai Gold, Rai Movie, Ace Producers, membro Cda VFC). Avrà la sua prima presentazione pubblica Paesaggi sonori, un progetto nazionale, che nasce dal Veneto e che vede la collaborazione tra Istituto Centrale per i Beni Sonori e Audiovisivi, l'Università di Padova e Locate Your Sound, che ha visto la raccolta di materiali audio del territorio durante il lockdown. Verranno inoltre annunciate le sceneggiature finaliste al Premio Rodolfo Sonego, concorso per giovani talenti realizzato dal Lago Film Festival di Revine Lago, e presentato il progetto di serie Scaligeri, frutto della collaborazione di quattro case di produzione venete - Ahora film, Eriador film, Cinema key, Offi-cine veneto - che sarà interamente girato in Veneto.

Nel rispetto delle norme di sicurezza legate all'emergenza epidemiologica da Covid-19 in osservanza alla necessità di contenimento del rischio di contagio e di distanziamento sociale per partecipare agli incontri è necessaria  la prenotazione. L'accesso avverrà esclusivamente dal lato ‘strada’ (L.mare G. Marconi) segnalato dai totem. Si ricorda l’obbligo della mascherina. Prenotazioni e info  - info@venetofilmcommission.com

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Ut elit tellus, luctus nec ullamcorper mattis, pulvinar dapibus leo.

·       Giovedì 3 settembre h.17:30

L'audiovisivo nel Veneto, tax credit, opportunità legate al turismo, formazione e nuove tecnologie

Intervengono: Assessore regionale al Territorio - Cultura - Sicurezza - Sport – Parchi, Pino Perri imprenditore, Giulia Lavarone docente e membro Cda VFC, Riccardo Donadon imprenditore, Marco Savini docente e Adobe Certified Expert, Giacomo Talamini CEO VFX

L’Assessore al Territorio - Cultura - Sicurezza - Sport - Parchi, farà una panoramica sulla strategia regionale in materia di audiovisivo e, in particolare, sul fondo di produzione che la Regione gestisce.

Presentazione del rivoluzionario metodo di riprese senza green screen di Hive Division - LED Wall Virtual Production. Giacomo Talamini CEO di Hive Division, ci darà il suo punto di vista sulla produzione virtuale attraverso led wall, una tecnologia destinata a cambiare il settore, compresi i produttori indipendenti e gli studi VFX come loro.

Interverrà sul tema Tax credit Pino Perri, titolale della trevigiana Printmateria – azienda specializzata nella stampa digitale su grande formato, nella stampa 3D e nella costruzione di strutture e vetrine pubblicitarie – che da qualche anno ha deciso di mettere a disposizione del cinema e della musica parte del proprio potenziale umano ed economico. Dal 2011, assieme ad altri amici imprenditori veneti, ha deciso di usufruire della legge del Tax Credit. Si trattava della produzione di “Io sono Li”, film di Andrea Segre che ha visto la protagonista Zhao Tao aggiudicarsi il Premio David di Donatello come miglior attrice protagonista. Da quel momento si è prodigato per la divulgazione della sua esperienza positiva e delle opportunità date dalla legge sul Tax Credit.

Ci parlerà di Cineturismo e di opportunità che legano il turismo, il territorio e il settore audiovisivo - Giulia Lavarone membro del Cda della Fondazione Veneto Film Commission, Docente del corso di lezioni Cinema e turismo per i corsi di laurea triennale in Progettazione e gestione del turismo culturale e in DAMS - Discipline dell’arte, della musica e dello spettacolo all’Università degli Studi di Padova – Dipartimento dei Beni Culturali: Archeologia, Storia dell’Arte, del Cinema e della Musica,

Riccardo Donadon e Marco Savini ci racconteranno l’importanza di garantire alti livelli di formazione in un settore, quello della computer grafica, ormai imprescindibile nel Cinema.

Riccardo Donadon è un noto imprenditore trevigiano che nel 2005 fonda insieme ad altri soci H-Farm con l’intenzione di trasformare idee innovative in investimenti che potessero avere successo. H-Farm è quindi una piattaforma di imprenditoria ed innovazione, in cui si parte da idee innovative e si lavora per riuscire a trasformarle in grandi progetti. Sempre nel 2005, ha trovato spazio Big Rock, Institute of Magic Technologies una delle eccellenze italiane nel campo della didattica a contenuto tecnologico, nato da un’idea di Marco Savini, ex-pilota dell’aeronautica militare, nel giro di poco diviene un’eccellenza italiana per la formazione di giovani in computer grafica, in concept art e in virtual reality. Oggi è parte del programma Education di H-Farm (la piattaforma che supporta “la creazione di nuovi modelli d’impresa e la trasformazione ed educazione dei giovani e delle aziende italiane in un’ottica digitale”) e forma ogni anno centinaia giovani, il cui tasso di occupazione, nei primi 12 mesi dopo il diploma, supera il 70%.

·       Venerdì 4 settembre h.11:00

Paesaggi Sonori Italiani - #covid19: documentare conservare e valorizzare il paesaggio sonoro durante pandemia

Intervengono: Jacopo Chessa direttore VFC, Massimiliano Lopez ICBSA, Nicola Orio docente, Farah Polato docente e Francesco Liotard LYS

 

Presentati da Jacopo Chessa, direttore della Fondazione Veneto Film Commission, racconteranno dell’esperienza passata e parleranno degli sviluppi futuri Massimiliano Lopez, responsabile della valorizzazione del patrimonio di Istituto Centrale per i Beni Sonori e Audiovisivi, Nicola Orio e Farah Polato, docenti del Dipartimento dei Beni Culturali dell’Università di Padova, Francesco Liotard, responsabile del sistema di archiviazione LYS - Locate Your Sound di mOOviOOle S.r.l.

La vocazione per la raccolta, la documentazione e la valorizzazione dei documenti audio e video dell’Istituto Centrale per i Beni Sonori e Audiovisivi (ex Discoteca di Stato - MiBACT) incontra quella dello studio e della valorizzazione del patrimonio culturale materiale ed immateriale del Dipartimento dei Beni Culturali dell’Università di Padova. A fare da ponte Locate Your Sound, un avanzato sistema di archiviazione per paesaggi sonori. Con queste premesse nasce il progetto Paesaggi Sonori Italiani, volto a documentare, conservare, studiare e valorizzare, appunto, i paesaggi sonori del nostro paese. Con l'arrivo della pandemia si è assistito a un profondo stravolgimento delle nostre quotidianità, delle relazioni sociali, delle interazioni con l'ambiente e, non ultimo, l'impatto sonoro dell'agire umano: si è detto che un "silenzio” quasi assordante ha avvolto le nostre piazze, i nostri viali, le nostre case, i nostri paesaggi sonori facendosi portavoce di ambientazioni uniche. Un silenzio in realtà abitato da un cambiamento dei registri sonori che hanno modellato nuovi paesaggi e ambientazioni. Di qui la necessità di lanciare un appello per raccontare il periodo che l'Italia si apprestava ad affrontare attraverso la raccolta di testimonianze uditive uniche. Ad accogliere l'appello di “Paesaggi Sonori Italiani - #covid19” curiosi, scuole, associazioni, istituzioni ed anche la Veneto Film Commission.

·       Venerdì 4 settembre h.17:30

Veneto Film Commission e Italian Film Commission

Intervengono: Assessore regionale al Territorio - Cultura - Sicurezza - Sport – Parchi, Luigi Bacialli presidente VFC, Cristina Priarone presidente IFC e Jacopo Chessa direttore VFC

Alla presenza dell’Assessore regionale al Territorio – Cultura – Sicurezza – Sport – Parchi, il Direttore generale della Fondazione Veneto Film Commission Jacopo Chessa presenterà le attività, lo staff e gli obiettivi a sostegno delle produzioni in programma della VFC iniziative future. Interverrà anche Cristina Priarone, presidente di IFC-Italian Film Commissions, che ci darà una panoramica sulle Film Commission a livello nazionale, attività, opportunità e l’importanza nel fare rete.

·       Sabato 5 settembre h.17.30

Il Veneto raccontato, l'apporto della letteratura nel cinema

Intervengono: Sergio Frigo giornalista, Fulvio Ervas professore e scrittore

Sergio Frigo e Fulvio Ervas in dialogo sulla letteratura, gli scrittori veneti, il territorio e il cinema.

Sergio Frigo a lungo nella redazione cultura del Gazzettino ora collabora coi quotidiani Gedi, nel 2018 esce con il suo quarto libro: I luoghi degli scrittori veneti, edito da Mazzanti libri, dove raccoglie 27 autori che hanno raccontato il Veneto e, attraverso un inedito viaggio letterario, l’autore lega tutte e sette le sue province, svelandone arte, bellezza naturale, storia, cultura e l’importanza nell’ispirazione letteraria di ogni singolo scrittore trattato.

Fulvio Ervas scrittore veneto, ci darà la sua testimonianza della sua esperienza tra letteratura e cinema. Due i suoi romanzi poi tradotti su schermo, Finché c’è prosecco c’è speranza (2010) e Se ti abbraccio non aver paura (2012).

Laureato in Scienze Agrarie, insegnante di Scienze naturali in una scuola superiore in provincia di Treviso, ha esordito nella letteratura nel 1999 con il racconto La lotteria (Premio Calvino 2001 ex aequo), scritto insieme alla sorella Luisa con la quale ha pubblicato anche il primo romanzo della fortunata serie dell’ispettore Stucky, iniziata con Commesse di Treviso (2006) e proseguita a sua sola firma con Pinguini arrosto (2008), Buffalo Bill a Venezia (2009), Finché c’è prosecco c’è speranza (2010) e L’amore è idrosolubile (2011). Raggiunta ampia notorietà con il romanzo Se ti abbraccio non aver paura (2012), che indaga con delicatezza e profondità il tema dell’autismo, ha confermato le sue doti di scrittore policentrico, in grado di spaziare agevolmente tra generi e registri comunicativi diversi, con i successivi Si fa presto a dire Adriatico (2013), Tu non tacere (2015), Pericolo giallo (2016), Nonnitudine (2017) e C'era il mare (2018). I suoi libri sono editi da Marcos y Marcos.

·       Domenica 6 settembre h.11.00

Videogiochi, Realtà Virtuale, Cinema (intervento in inglese)

Intervengono: Michel Reilhac VR director, Roberto Semprebene studio manager

Modera: Giacomo Brunoro consulente editoriale e membro Cda VFC

Si parlerà di storytelling - lineare, temporale e verbale, e di spacetelling - spaziale e visuale che prioritariamente si basa sulla ricostruzione visiva di luoghi. L’utente scopre, osserva ed esplora ambienti ricostruiti. L’evoluzione storica può essere vissuta come trasformazione di luoghi.

La Realtà Virtuale può dare un’esperienza diversa nei videogiochi, invece di guardare uno schermo con un controller, l’utente è nel gioco e usa tutto il corpo per giocare. L'uso di VR in giochi, film ed eventi sta già emergendo e non farà che aumentare.

Interverranno sul tema Michel Reilhac e Roberto Semprebene in collaborazione con IIDEA - l'Associazione di categoria dell’industria dei videogiochi in Italia che promuove la divulgazione della cultura del videogioco e l’uso consapevole dei videogiochi come forma d’intrattenimento e strumento di crescita.

Michel Reilhac Direttore di film VR (Virtual Reality) e architetto narrativo della narrazione interattiva, il suo ultimo film, in VR, Viens!, è stato presentato in anteprima mondiale al Sundance Film Festival nel gennaio 2016; e designer che usa la narrazione in modo innovativo. Utilizza varie piattaforme, come la televisione, i telefoni cellulari, i tablet e gli eventi. Crea contenuti e storie per VR ed è un pioniere nel campo della narrazione interattiva e coinvolgente. È un pioniere dei formati di narrazione transmediale e delle esperienze coinvolgenti, partecipative e interattive; è inoltre Direttore degli studi della Biennale di Venezia College-Cinema. La carriera di Reilhac comprende esperienze di regia in ambiti diversi, danza, musical e cinema con regie di documentari e lungometraggi.

Roberto Semprebene è Studio Manager in Storm in a Teacup dal 2016. Prima di entrare nel settore dei videogiochi, ha maturato oltre 10 anni di esperienza nel marketing digitale e nella comunicazione per il cinema e l'intrattenimento, lavorando in importanti realtà, come Filmauro e Universal Pictures, occupandosi di product placement, web marketing e promozione. Storm in a Teacup è uno studio di sviluppo creato dal veterano del settore Carlo Ivo Alimo Bianchi nel 2013. Con uno stile artistico unico e un team di livello internazionale, Storm in a Teacup ha pubblicato 4 titoli, disponibili su PC / Xbox One / PlayStation 4 / Nintendo Switch. L'ultimo gioco sviluppato, Close to the Sun, è stato premiato come "Best Italian Game" durante gli Italian Video Game Awards 2020. La missione di Storm in a Teacup è raccontare storie; creare esperienze; realizzare videogiochi che diffondano il meglio del “Made in Italy” nel mondo.

·       Domenica 6 settembre h.17.30

L'importanza formativa nell'audiovisivo

Intervengono: Cecilia Valmarana Rai Gold, Rai Movie, Ace Producers, membro Cda VFC,  Marina Zangirolami Scuola Mazzacurati, Savina Neirotti Scuola Holden, Torino Film Lab, Venice Production Bridge

Cecilia Valmarana Membro del Cda Fondazione Veneto Film Commission, Vicedirettore Rai Gold, Responsabile Rai Movie e parte dell’Ace producers executive board. Un punto di vista autorevole nel settore della Produzione e della Distribuzione, quello di Cecilia Valmarana, che ha ricordato quanto la formazione e le buone letture siano importanti per la fase di stesura di sceneggiature e soggetti. Questa attività è ancora oggi considerata alla stregua di un mestiere artigianale che si pone alla base di ogni buon prodotto audiovisivo che poi possa contare su una buona rete co-produttiva, meglio se di livello Europeo per un poter portare a termine una lavorazione in cooperazione e così collettivo, com’è quella del cinema e dell’audiovisivo in generale.

 

Marina Zangirolami - Mazzacurati Scuola di Cinema Carlo Mazzacurati

“Carlo Mazzacurati che ha creduto nella potenza narrativa universale di un territorio specifico e dei suoi abitanti, oggi vorremmo raccogliere un’energia ed un entusiasmo che sono presenti nel nostro territorio, nel loro luogo di provenienza e allo stesso tempo con un grande slancio verso il mondo che ci circonda, universale.”

la Scuola di Cinema Carlo Mazzacurati offre la possibilità a chi ama questo mestiere di formarsi nella nostra Regione con i migliori professionisti del settore. Dopo i quattro anni di esperienza di alta formazione avviata con l’Università di Padova con il Master in Sceneggiatura Carlo Mazzacurati, nasce l’idea di dare una continuità a quanto avviato con grande successo, un Master che ha aperto a tanti allievi la possibilità di uno sbocco e una carriera nel settore.

Con un’offerta di corsi per tutte le specializzazioni che portano alla realizzazione di un film: scrivere per il cinema, scrivere per una serie tv, montaggio, produzione, regia, fotografia, recitazione ma anche la preparazione di un film, le riprese, la post-produzione.

Lezioni frontali collettive, lezioni con correzioni individuali, lavoro one to one con i professionisti.

Savina Neirotti, Amministratore delegato Scuola Holden e Head of Programme Biennale College Cinema – Virtual Reality

La Holden è una scuola privata, vive del proprio lavoro ed è di proprietà di quattro soci: Carlo Feltrinelli, l’editore, Alessandro Baricco, lo scrittore, Oscar Farinetti, l’inventore di Eataly, e Andrea Guerra, uno dei migliori manager d’Italia. L’amministratore delegato è Savina Neirotti, che fa parte della Scuola fin dagli esordi ed è, da sempre, una delle menti strategiche della Didattica.

Se accadesse di domandare a quei cinque perché si sono imbarcati in una simile impresa, si otterrebbe probabilmente una sola risposta: vieni a vedere la Scuola e lo capirai.

Savina Neirotti è anche Strategic Consultant al Torino Film Lab e Content Curator al Venice Production Bridge della Mostra del Cinema di Venezia.

·       Lunedì 7 settembre h.14.00

Premio Rodolfo Sonego: Presentazione delle sceneggiature finaliste

Intervengono: Viviana Carlet, Carlo Migotto, Morena Faverin direttori Lago Film Fest, Mary Stella Brugiati e Alessandro Bosi Project Manager Lago Film Fest

Si presenteranno le sceneggiature finaliste del Premio Sonego alla presenza dei direttori artistici del Lago Film Fest Viviana Carlet, Carlo Migotto, Morena Faverin e a chi ne segue la progettazione e l’organizzazione Mary Stella Brugiati e Alessandro Bosi.

Il Premio Rodolfo Sonego è il concorso per sceneggiature di cortometraggi creato da Lago Film Fest e cresciuto con il supporto di Scuola Holden.

Con l'obiettivo di ricordare e onorare il lavoro di uno dei padri della commedia all’italiana, il concorso mira a ricreare quella realtà da bottega tanto cara a Sonego, dando ai giovani autori delle sceneggiature migliori la possibilità di crescere, confrontarsi e sviluppare un percorso formativo di perfezionamento, traduzione e presentazione della propria storia. 

Un concorso unico che offre la possibilità di mettersi alla prova e di partecipare ad un'esperienza di condivisione e arricchimento per se stessi e le proprie storie, partendo da Lago Film Fest e muovendo i primi passi nel settore audiovisivo.

Quest'anno Premio Sonego si rinnova e torna con un nuovo tema: come ridevano, come ridiamo.

L’edizione 2020 del Premio Rodolfo Sonego parte proprio da quel titolo che sembra domandarsi come si rideva un tempo in Italia, spingendosi in avanti e chiedendo ai suoi partecipanti: come si ride oggi in Italia? Il tema della nuova edizione è infatti la commedia, intesa come “miniera di suoni, di battute, di racconti, di invenzioni” tanto cara proprio a Rodolfo Sonego, sceneggiatore e storico collaboratore di Alberto Sordi.

Dopo il workshop di perfezionamento della propria sceneggiatura, svolto dal 3 al 6 settembre nella suggestiva atmosfera di Fondazione Fabbri, i finalisti avranno la possibilità di pitchare la propria storia a professionisti del settore durante la Mostra internazionale d'arte cinematografica di Venezia, in attesa di conoscere il vincitore dell'edizione 2020, che sarà annunciato a Torino, durante la quinta edizione del Torino Short Film Market.

·       Mercoledì 9 settembre h.11.00

Scaligeri: un progetto di serialità in Veneto

Intervengono: Marco Pollini produttore, Stefano Pesce attore, Antonello Bellucco regista, Marco Fantacuzzi produttore, Debora Scalzo autrice

La serie, che vede coinvolte varie società venete, esplora due differenti epoche storiche. Bartolomeo, “il cervello”, discendente degli Scaligeri, antica famiglia veronese, ha messo insieme Can, Florio, Leo e Albu dopo una lunga ricerca di anni sulle genealogie delle loro provenienze. Sono uomini che, pur provenendo  da famiglie benestanti e di cultura, hanno sempre detestato il potere del denaro e idealmente sono sempre stati alla ricerca di una società più giusta. Forse, in qualche modo, vorrebbero essere coloro che rubano per dare ai poveri. Una Nuova Sherwood collocata nella bellezza del  territorio  Veneto in un mondo sospeso tra magia ed azione.

AHORA FILM S. r. l. - AHORA è un produttore e distributore audiovisivo di Verona con un catalogo di oltre 3 mila composizioni musicali, 20 lungometraggi di finzioni, 350 video-clip, 10 docufiction e oltre 1500 webvideos. Lavoriamo con un team di giovani creativi per lo sviluppo di progetti audiovisivi, dalla sceneggiatura alla produzione completa. Distribuiamo i nostri contributi in tutto io mondo e tra i nostri clienti ci sono Mediaset, Sky, Sky Cielo, Amazon Prime, Youtube, ChiliTv, Canel Media, House of film, Fly contents e molti altri. www.ahorafilm.com

ERIADOR FILM - Eriadorfilm nasce a Padova nel 2012 dal regista Antonello Belluco, IMDB ( Con gli occhi del cuore 2001, Antonio Guerriero di Dio 2006, Il Giorgione 2010). Il primo film nel 2014 è: “Il segreto di Italia” con Romina Power, Giovanni Capalbo, Fabrizio Romagnoli. Tra i progetti, la sceneggiatura di “Red Land - Rosso Istria” (prima serata Rai 3 - 2018), “On my shoulders - Sulle mie spalle” con Paolo De Vita, Taryn Power. Attualmente è in preparazione “C14” una storia intensa e avvincente ambientata nel 2030 sulla Sacra Sindone a 2000 anni dalla morte di Cristo, “Smartphone” - thriller giallo ambientato nel coinvolgente mondo della danza moderna. www.eriardorfilm.it

CINEMA KEY di Marco Fantacuzzi - Dall’esperienza decennale di Marco Fantacuzzi “Cinema Key” è un’agenzia di comunicazione audiovisual e di post-produzione che nasce con l’ambizione di portare la qualità cinematografica fuori dai circuiti convenzionali, coniugandola con la comunicazione aziendale, curando non solo la produzione ma anche la distribuzione dei propri progetti, per assicurare incrementi di visibilità e vendita per le imprese e partner. www.cinemakey.it

OFFI-CINE VENETO - Fondata nel 2015 dalla manager aziendale Cristina Magoga e dal direttore artistico, attore e regista Stefano Pesce, ha all’attivo la produzione di cortometraggi, documentari e fiction. La visione è quella di creare progetti filmici che abbiano la matrice territoriale e mettono in luce i luoghi attraverso la realizzazione di storie che raccontino il loro valore. Offi-cine veneto si occupa anche di formazione e si propone come leader di un network d’imprese che condivide lo stesso progetto imprenditoriale. www.officineveneto.it

 

 

Nel rispetto delle norme di sicurezza legate all'emergenza epidemiologica da Covid-19 in osservanza alla necessità di contenimento del rischio di contagio e di distanziamento sociale per partecipare agli incontri è necessaria la prenotazione. L'accesso avverrà esclusivamente dal lato ‘strada’ (L.mare G. Marconi) segnalato dai totem. Si ricorda l’obbligo della mascherina. Prenotazioni e info  info@venetofilmcommission.com

 

 

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on email
Share on telegram