When East Meets West lancia il suo Digital World

A partire da oggi, 25 gennaio, inizia l’undicesima edizione di When East Meets West che accoglierà più di 650 professionisti di 58 paesi diversi, che avranno accesso alla nuova versione “Out of the Box” del principale mercato di coproduzione.

Tutto si svolgerà nel cosiddetto WEMW Digital World, dove tutti i pezzi del programma sono disposti come un puzzle. È la prima volta che questa piattaforma personalizzata, creata in collaborazione con WYTH, viene utilizzata per un evento del settore cinematografico, e l’obiettivo è quello di offrire un’esperienza coinvolgente e giocosa a tutti i partecipanti. Proprio come la location di riferimento del mercato, l’Hotel Savoia di Trieste, la piattaforma diventerà una destinazione single-venue che offrirà accesso a tutti gli eventi e le proiezioni in live-stream, e ancora più importante, offrirà ai partecipanti la possibilità di interagire e video-chattare istantaneamente con tutti.

In parte evento industriale e in parte spettacolo di varietà, questa edizione includerà una vasta gamma di attività, dalle tradizionali presentazioni in tempo reale di progetti selezionati e lavori in corso, conferenze ispiratrici e casi di studio alle nuovissime estrazioni della lotteria, spettacoli di cucina, lezioni di danza e performance musicali dal vivo.

Alessandro Gropplero, capo di WEMW, ha spiegato: “Dopo molti mesi senza possibilità di vedersi e abbracciarsi, abbiamo voluto creare un’edizione unica in grado di offrire opportunità di business di alta qualità per tutti i partecipanti registrati e un programma di attività alternative, accoglienti e amichevoli allo stesso tempo. Abbiamo voluto ricreare l’atmosfera calda e tipica del nostro mercato, e quindi abbiamo plasmato un programma che sta a metà tra l’evento di settore e lo spettacolo di varietà, dove il business incontra il divertimento”.

Il programma prevede le sessioni di pitching del Co-Production Forum e di MIDPOINT Shorts, insieme a tre showcase dedicate ai lavori in corso – Last Stop Trieste, This is IT e First Cut+. Inoltre, tutte le proiezioni saranno disponibili dal 25 al 29 gennaio nella WEMW Video Library, riservata esclusivamente agli oltre 120 rappresentanti e agenti del festival che partecipano quest’anno.

Inoltre, alcuni dei partner di WEMW ospitano le proprie sessioni, come “From Destruction to Reinvention”, una serie di studi di casi che evidenziano storie di successo innovative e ispiratrici dell’anno precedente, attraverso la catena del valore, in collaborazione con EAVE. Inoltre, durante il laboratorio della serie Cold Open TV, MIDPOINT organizza la conferenza “Come trovare i partner giusti in questo mercato televisivo veloce e in continua evoluzione?”, mentre ACE Producers, in collaborazione con l’Industry Village di Les Arcs, ospita un’intervista con Sébastien Beffa, partner esecutivo dell’agente di vendita francese Playtime. Infine, l’EWA Network organizzerà la sessione di chiusura, intitolata “Do Not Just Think, Work Out of the Box”, una conversazione con Tine Klint sul presente e sul futuro della sua azienda, LevelK.

Per quanto riguarda la parte Backstage di WEMW, che è veramente fuori dagli schemi, i produttori registrati potranno cucinare pasti, bere qualcosa, godersi un po’ di buona musica o prendere lezioni di yoga e fitness insieme ai rappresentanti del festival, del mercato e delle vendite. L’essenza di questa sezione è quella di creare un ambiente amichevole, non orientato al business e rilassato, ricordando ai partecipanti l’essenza stessa di WEMW e come si svolge normalmente nel mondo non digitale.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su telegram